AGER ACQUACOLTURA - La nostra ricerca per l'impresa
La produzione di insetti a scala industriale ha attratto l'attenzione della ricerca e dell'industria come una promettente fonte di proteina nei mangimi animali, così come per la dieta umana. La presenza di questi nuovi ingredienti porta con sé la necessità di innovare le tecniche per la loro tracciabilità in mangimi e cibo. Le tecniche di biologia molecolare forniscono validi strumenti per identificare la presenza di insetti. I ricercatori del Dipart. di Scienze Agroalimentari, Ambientali e Animali dell'Università di Udine ha recentemente pubblicato un articolo dal titolo "Molecular approach for insect detection in feed and food: the case of Gryllodes sigillatus" sulla prestigiosa rivista European Food Research and Technology, a nome di E. Daniso, F. Tulli, G. Cardinaletti, R. Cerri, E. Tibaldi (doi:  10.1007/s00217-020-03573-1).
 

L'articolo si può leggere dal sito internet di European Food Research and Technology seguendo questo link.

Il dott. Leonardo Bruni ha da poco concluso il percorso di tre anni discutendo la tesi di dottorato di ricerca in Scienze Agrarie e Ambientali dell’Università degli Studi di Firenze, sotto la supervisione della prof.ssa Giuliana Parisi, superando la prova a pieni voti. Titolo della tesi: “Innovative protein sources in feed for salmonids: Effects on lipid metabolism, gut microbiota and fillet quality”.

La taurina (Tau) è un aminoacido solforato, unico a non essere legato mediante legame peptidico a catene proteiche ed è, tra gli aminoacidi in forma libera, il più abbondante in tutti i tessuti, liberamente circolante nel citosol della cellula ed in particolare nei tessuti eccitabili.
 
Francesca Fava, Filippo Faccenda, Giulia Marzorati, Michele Povinelli - Fondazione Edmund Mach
 
I campionamenti per la seconda prova zootecnica del progetto Ager 2-SUSHIN su trota presso l'impianto ittico della Fondazione Edmund Mach (FEM) sono stati eseguiti a fine marzo 2020, ai tempi di chiusura delle attività sperimentali della FEM, in quanto la conclusione della prova zootecnica prevista per il progetto è stata ritenuta da FEM attività "essenziale, inderogabile e improrogabile".
Ormai un’ampia letteratura riporta di studi sulla riduzione della farina di pesce (FM, fishmeal) nei mangimi per carnivori, sostituita con diverse inclusioni di farine proteiche vegetali di varia natura (VM, vegetable meal), oppure con residui della lavorazione di avicoli (PM, poultry meal), quali piume, misto visceri, od ancora farine di insetti (IM, insect meal).
L'inserto di "Scenari", in edicola con il Sole - 24 ore del 23 dicembre 2019, ha come titolo "Realtà eccellenti: l'agricoltura che cambia". Il progetto SUSHIN ha l'onore di figurare tra le eccellenze della ricerca e dell'innovazione in campo agricolo - zootecnico. A pag. 8 dell'inserto si può leggere un'intervista al responsabile di progetto, il prof. Tibaldi dell'Università di Udine, che illustra a grandi linee gli sviluppi del progetto.
 
Qui il link diretto all'intero inserto, disponibile liberamente fino al 22 gennaio.