SUSHIN SUstainable fiSH feeds INnovative ingredients - Università degli Studi di udine
Tra i tanti progetti in corso che vedono la partecipazione dell'Università Politecnica delle Marche, SUSHIN è stato selezionato per essere presentato alla giornata "UniStem Day" di Ancona il 22 marzo. UniStem Day è una manifestazione, organizzata dal Centro UniStem (Univ. degli Studi di Milano), che si svolge in 15 paesi del mondo. Il progetto è stato presentato dal prof. Ike Olivotto agli oltre 700 studenti delle scuole superiori che hanno partecipato all'evento.
La Mostra dell'Agricoltura di Trento è un appuntamento molto atteso per migliaia di trentini (e non solo) che ogni anno la visitano; il 16 e 17 marzo si è svolta la 73a edizione. Nell'ambito dell'evento "Mangiando s'impara", il pubblico ha potuto gustare, in diversi appuntamenti nei due giorni, molti prodotti del territorio, accompagnati da un commento divulgativo relativo ai cibi magistralmente preparati dall'Istituto di Formazione Professionale Alberghiero di Rovereto. Tra questi, in occasione di una pietanza a base di trota, Filippo Faccenda (Fondazione Mach di S. Michele allìAdige) ha avuto modo di illustrare ai commensali anche gli aspetti del progetto SUSHIN di maggior presa per il pubblico.

Aquafarm è un evento internazionale di due giorni dedicato e riservato agli operatori del settore dell’acquacoltura sostenibile euro-mediterranea. Si è svolta a Pordenone il 13 e 14 febbraio 2019 la terza edizione di questa importante manifestazione e ricercatori e tecnici che lavorano al progetto SUSHIN erano presenti con una variegata delegazione (Università di Udine, Università Politecnica delle Marche,  Fondazione Edmund Mach, CREA, ISPRA). Una conferenza in programma è stata dedicata al progetto Sushin: "Il progetto Sushin: che ne pensano ambiente e consumatori dei nuovi ingredienti dei mangimi per pesci?" (relatori: Federico Nassivera, Università di Udine, e Silvia Maiolo - Università Ca’ Foscari di Venezia, con partecipazione di Emilio TIbaldi (Università di Udine). 

I relatori hanno discusso di come la sempre più ridotta disponibilità di farina e olio di pesce abbia spinto il gruppo di ricerca di 7 enti (oltre a quelli già nominati: Università di Firenze e Ist. Zoprofilattico di Abruzzo e Molise) a proporre ad Ager un progetto sulle nuove formulazioni mangimistiche per il settore ittico. Fra le varie alternative oggetto di indagine, sono stati valutati anche dei mangimi sperimentali nei quali gli insetti hanno sostituito la tradizionale farina di pesce. I primi risultati ottenuti, hanno argomentato i relatori, sembrano essere decisamente incoraggianti, sia sotto il profilo nutrizionale che sotto quello della eco-sostenibilità. L’utilizzo di uno strumento di analisi molto potente, l'Analisi del Ciclo di Vita (Life Cycle Assessment - LCA), ha infatti permesso di quantificare le ricadute sull’ambiente derivanti dall’intero processo di produzione della farina di insetti e ha mostrato come questo prodotto presenti performance superiori a molte alternative proteiche presenti oggi in commercio.

Tuttavia, malgrado i numerosi vantaggi sul piano ambientale, nel mondo occidentale, è stata rilevata ancora una scarsa accettazione da parte dei consumatori, scettici sull’effettiva qualità di un pesce allevato non con mangimi tradizionali ma con prodotti aventi come principale fonte proteica proprio gli insetti. Fra gli obiettivi del progetto SUSHIN è dunque presente anche un’indagine sulla propensione al consumo di pesci allevati con questi mangimi alternativi, intervistando un campione di giovani italiani, i consumatori del futuro.

Il Ricercatore Fernando Lunelli (FEM) ha presentato il progetto Sushin al pubblico specializzato di Seafood Summit. L'evento - organizzato dalla Rivista Mark Up in collaborazione con Chiodi Consulting - si è svolto mercoledì 7 novembre a Rimini, presso il Palacongressi.

Il progetto SUSHIN scende anche quest'anno in piazza ad Ancona, in occasione di Shaper, la notte europea dei ricercatori. Un evento divulgativo, svolto in contemporanea con altre 300 città europee, voluto fortemente dall’Università Politecnica delle Marche per avvicinare il grande pubblico al mondo della ricerca, una festa dove intrattenimento e informazione si mescolano.

La nostra ricerca: Sushin

Per il consumatore

logo ager acquacoltura

Ager - Agroalimentare e ricerca è un progetto di ricerca agroalimentare promosso e sostenuto da un gruppo di Fondazioni di origine bancaria.

Presso Fondazione Cariplo
Via Manin n. 23 - Milano
cf 00774480156

Sito Progetto Ager
http://www.progettoager.it/

Valentina Cairo
valentinacairo@fondazionecariplo.it
Tel +39 02 6239214

Riccardo Loberti
comunicazione@progettoager.it