4F Fine Feed For Fish Università dell'Insubria

La tracciabilità del pesce a portata di cittadino

Niente più frodi grazie alle nanoparticelle d’oro 

La globalizzazione del settore ittico richiede sistemi di tracciabilità e controllo qualità rapidi ed efficaci per monitorare il percorso del pesce dalle aree di allevamento al punto vendita. I tempi analitici devono essere rapidi in quanto la shelf-life di un prodotto fresco come il pesce è molto breve.
La disponibilità di di tecniche diagnostiche immediate capaci di certificare l’identità di un prodotto alimentare e magari di verificare l’assenza di microorganismi patogeni pericolosi per l’uomo, fornisce agli operatori della filiera un importante strumento per ottemperare agli obblighi di tracciabilità e sicurezza. Vi è tuttavia una crescente richiesta anche da parte di enti pubblici di controllo, associazioni di consumatori, piuttosto che di singoli cittadini che vogliono conoscere e controllare ciò che acquistano e che mangiano. La soluzione si chiama NanoTracer e nasce dalla collaborazione ZooPlant Lab dell’Università di Milano-Bicocca, l’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT) e la spin-off FEM2 Ambiente srl. Si tratta di un sistema di identificazione che sfrutta nanoparticelle legate al DNA che cambiano colore in caso di frodi alimentari. Nello specifico si tratta di nanoparticelle d’oro combinate con oligonucleotidi che riconoscono in modo univoco regioni del DNA del pesce target o di eventuali specie che vengono comunemente scambiate con quelle più di pregio.
Quando la sonda di DNA riconosce la regione target si lega a questa e le nanoparticelle si aggregano facendo passare il colore della soluzione da rosso a viola, una variazione visibile perfettamente ad occhio nudo! Nella versione attuale il sistema necessita ancora di una fase preliminare di amplificazione del DNA che richiede un minimo di manualità analitica e, soprattutto, alcune attrezzature tipiche di un laboratorio di biologia molecolare. Tuttavia, si sta già lavorando alla sua semplificazione operativa al fine di rendere l’approccio ancora più semplice, rapido e soprattutto a portata di consumatore che potrà quindi controllare autonomamente la qualità e la sicurezza di ciò che compra e la serietà del punto vendita.

barcoding

Fonte: Andrea Galimberti, Università degli STudi di Milano Bicocca

4F

4F - Fine Feed For Fish è un progetto di ricerca triennale per alimentare con nuovi mangimi branzino, orata e trota iridea, le tre più importanti e diffuse specie ittiche allevate in Italia.

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La nostra ricerca: 4F

Per l'impresa

Per l’ambiente

Esperti in itticoltura cercasi

4F - avatar 4F Per l’ambiente 05 Apr 2018

Il Dipartimento di Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari dell'Università degli Studi di Torno bandisce una borsa di studio di ricerca della durata di... leggi

logo ager acquacoltura

Ager - Agroalimentare e ricerca è un progetto di ricerca agroalimentare promosso e sostenuto da un gruppo di Fondazioni di origine bancaria.

Presso Fondazione Cariplo
Via Manin n. 23 - Milano
cf 00774480156

Sito Progetto Ager
http://www.progettoager.it/

Valentina Cairo
valentinacairo@fondazionecariplo.it
Tel +39 02 6239214

Riccardo Loberti
comunicazione@progettoager.it